Donate
News

17 Maggio Giornata Internazionale Contro Omofobia.

Se consultiamo Wikipedia alla voce Omofobia troviamo:
L’omofobia può essere definita come una paura e un’avversione irrazionale nei confronti dell’omosessualità e di gay , lesbiche, bisessuali e transgender (GLBT), basata sul pregiudizio e analoga al razzismo, alla xenofobia, all’antisemitismo e al sessismo. Con il termine “omofobia” quindi si indica generalmente un insieme di sentimenti, pensieri e comportamenti avversi all’omosessualità o alle persone omosessuali.Intesa nel senso di “paura fobica e irrazionale”, l’omofobia non è inserita in alcun manuale di diagnostica psicologica come patologia, è quindi errato pensare che sia medicalmente una fobia, come invece il nome potrebbe portare a credere. L’omofobia non è legata a una credenza politica o a un livello culturale, ma piuttosto al livello di equilibrio del singolo individuo. È stato infatti riscontrato da decenni il fatto che tendono all’omofobia le “personalità autoritarie”, rigide, insicure, che si sentono minacciate dal “diverso da sé” (ovviamente non solo omosessuale). Alti livelli di omofobia sono stati riscontrati anche in persone in lotta con una forte omosessualità latente o repressa.In questo secondo senso l’omofobia può trarre nutrimento e soprattutto legittimazione da condanne ideologiche, religiose o politiche.Per omofobia si può intendere anche la paura dell’omosessualità, ed in particolare la paura di venire considerati omosessuali, ed i conseguenti comportamenti volti ad evitare gli omosessuali e le situazioni considerate associate ad essi.L’omofobia consiste nel giustificare, condonare o scusare atti di violenza o di discriminazione, di marginalizzazione e di persecuzione perpetrati contro una persona in ragione della sua reale o presunta omosessualità (si pensi ai soggetti bisessuali o anche semplicemente a persone che hanno un atteggiamento o un aspetto che non rientra nel comune stereotipo di genere sessuale, ad esempio le persone definite “effeminate”).
Da qualche mese si è concluso presso il  Liceo Quasimodo di Magenta un corso  con tema :” La Forza della Diversità”.
Sabato scorso 15 Maggio 2010 abbiamo potuto verificare la sua utilità con un Laboratorio del tutto inaspettato.
E’ stato da me intitolato :”Prove tecniche di Transfobia e Omofobia”.
Gli studenti autorizzati all’ assemblea d’ Istituto hanno scelto di accompagnare, sostenere e proseguire il dibattito iniziato nel Plesso Scolastico ai giardini pubblici:
I non graditi e non autorizzati ospiti Gay e Trans sono stati invitati a lasciare l’Istituto dopo 25 minuti dall’ inizio dell’ assemblea.
Gli alunni hanno preferito, anche se poi “bollati” come assenti ingiustificati e “ribelli”, a riprendere l’ ascolto, a manifestare con sincero calore e con una autentica e meravigliosa solidarietà la tematica così “delicata” a giudizio di molti adulti all’ esterno dell’ Istituto Scolastico arrivando perfino a sforare di gran lunga il termine delle lezioni.

Grazie Ragazz* … Mi avete dato una forte lezione di convivenza civile.
Un’ Abbraccio Forte (Virile)
Sergio Prato
Presidente Le Rose di Gertrude di Magenta.

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *