Donate
News

Matteo M. Vecchio "Sabato 29 Marzo .. non solo l '8 marzo"

 Matteo M. Vecchio "Sabato 29 Marzo .. non solo l '8 marzo"

Matteo M. Vecchio, autore di "Perchè la poesia ha questo compito sublimo. Antonia Pozzi. Otto Studi."

L’ associazione Le Rose di Gertrude partecipa e propone un’iniziativa culturale aderendo alla proposta dell’ amministrazione Comunale di Magenta: “Non solo l’8 marzo“.

E’ quindi con piacere che vi presentiamo con l’ autore il libro :

“Perché la poesia ha questo compito sublime.

Antonia Pozzi. Otto studi.”

Matteo M. Vecchio,  (Borgomanero, Giuliano Ladolfi Editore, 2012).

il giorno 29 Marzo a partire dalle ore 11 presso la Biblioteca di Magenta in via Fornaroli, 20013 Magenta.

Il volume presenta otto studi, in parte inediti, su  Antonia Pozzi che ricostruiscono, – con l’ausilio di materiali inediti (tra cui nove cartoline della poetessa) –  il complesso percorso intellettuale a partire dal 1929 fino al decantarsi, in lei, della riflessione di Antonio Banfi, secondo nuove e articolate prospettive analitiche.


Due parole sull ‘autore.

Nato ventinove anni fa, è dottore di ricerca in Italianistica presso l’Università di Firenze, Université Paris-Sorbonne (Paris IV) e Universität Bonn. Ha collaborato con «Fronesis», «Italian Poetry Review», «l’immaginazione», «Materiali di Estetica», «Otto/Novecento», «Paragone Letteratura», «Poesia», «Rivista di storia della filosofia», «Studi Italiani».

Del volume Antonia Pozzi, Diari e altri scritti (Milano, Viennepierre, 2008) ha curato la nota biografica, l’apparato critico e la postfazione; per sua cura è l’edizione critica della tesi di laurea di Antonia Pozzi, in preparazione presso Ananke, Torino; per Giuliano Ladolfi Editore ha curato, nel 2012, di Daria Menicanti, La vita è un dito. Tutte le poesie.

Ha collaborato, in qualità di conferenziere, con l’Istituto di Studi Filosofici Antonio Banfi di Reggio Emilia, il Festival della Letteratura di Mantova, il festival Librialsole, l’Università degli Studi di Milano. Collabora inoltre con il progetto Enciclopediadelledonne.

Tagged: , ,

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *