Donate
News

Le Rose di Gertrude: FOCUS – Progetto Accessibilità Milano Pride

Le Rose di Gertrude: FOCUS – Progetto Accessibilità Milano Pride

Le Rose di Gertrude: FOCUS – Progetto Accessibilità Milano Pride

Il Progetto Accessibilità nasce nel 2013 dall’iniziativa di una nostra giovane socia, impegnata sia sul fronte dei diritti LGBT che su quello dei diritti per la comunità sorda.

Perché Progetto Accessibilità?
Perché ancora oggi le persone sorde sono escluse dalla fruizione di moltissimi eventi a causa della mancanza di sottotitoli o dell’interprete LIS (Lingua dei Segni Italiana). Pensate al cinema, al teatro: immaginando anche solo di seguire il labiale, come potrebbe essere possibile una fruizione completa date le inquadrature o gli spostamenti degli attori su un palco? E pensate anche ai contenuti multimediali sui siti di informazione: quanti di questi hanno i sottotitoli? L’elenco è molto lungo, ma preferisco fermarmi qui.

Perché è così importante promuovere queste iniziative?
Ritengo sia innanzitutto un diritto fondamentale della persona quello di accedere ai contenuti. Inoltre anche la comunità sorda sta lottando da molti anni per l’ottenimento dei propri diritti, tra cui il riconoscimento della LIS. Nonostante la ratifica da parte dell’Italia della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (con Legge 3 marzo 2009, n. 18), che prevede riconoscimento e promozione della lingua dei segni, ancora a oggi non c’è una legge dello Stato che riconosca la LIS come lingua. È quindi fondamentale sensibilizzare sulle tematiche legate alla sordità e alla LIS e fornire accessibilità, insomma, cercare di lavorare al meglio per il raggiungimento di questi obiettivi.

Come nasce l’idea di creare il Progetto Accessibilità?
L’idea nasce da un confronto con alcune persone sorde che avevo incontrato al Pride Milano 2011; sarebbe loro piaciuto che ci fosse un interprete per i discorsi a fine corteo: questo è stato l’input. Il fatto di essere attivista LGBT e di essere in contatto diretto col Coordinamento Arcobaleno mi ha permesso di essere incisiva ed efficace per la promozione di questo progetto.

Com’è stato accolto il Progetto Accessibilità?
È stato accolto con grande sensibilità da parte de Le Rose di Gertrude e di tutto il Coordinamento Arcobaleno, ma soprattutto è stata capita l’importanza dell’integrazione sociale della comunità sorda.

Novità di quest’anno?
Beh, innanzitutto un nuovo gruppo di volontari si è costituito quest’anno, che si sta occupando dell’accessibilità al corteo di sabato 28 giugno per le persone non vedenti. Stanno lavorando molto bene e sono veramente contenta che il Progetto Accessibilità si sia ampliato anche in questa direzione.
Per quanto riguarda i sordi avremo un evento della Pride Week e i discorsi a fine corteo con servizio di interpretariato LIS, tre proiezioni di film con sottotitoli in italiano, sottotitolazione o trascrizione dei video ufficiali del Milano Pride.

Propositi per il futuro?
Per il Progetto Accessibilità: che venga riconfermato, che sempre più volontari collaborino con noi.
Relativamente alla comunità sorda: spero che la LIS venga riconosciuta al più presto (anche se è maggiormente utilizzata da sordi, il patrimonio linguistico e culturale della LIS è di tutti!); spero inoltre che i vecchi e ancora radicati pregiudizi sui sordi vengano definitivamente superati.

Bene, ci vediamo al Milano Pride!
Certo! A presto e grazie per l’attenzione!

Tagged: , , ,

0 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *